Sauvignon

È un vitigno internazionale di origine francese, per la precisione della zona del Bordolese e della Valle della Loira, presente anche in Maremma dove risultano coltivati circa 65 ettari, concentrati in buona parte nei comuni di Pitigliano e Manciano. 

È conosciuto anche con i sinonimi Sauvignon blanc, Pellegrina, Piccabon, Bordeaux bianco, Spergolina.

Il significato del termine Sauvignon è quasi certamente riconducibile a «pianta selvatica» (selvaggio, in francese, si scrive sauvage), tanto che questa varietà dimostra alcune affinità con le viti Lambrusche, la cui famiglia varietale è caratterizzata dalla domesticazione di viti selvatiche. La sua introduzione sul territorio italiano è avvenuta, molto probabilmente, direttamente dal basso Bordolese, e ha riscosso subito un notevole successo, soprattutto nelle aree ove ha trovato le migliori condizioni per la coltivazione.

È un vitigno con epoca di maturazione media, che preferisce i terreni collinari, asciutti e ricchi di scheletro, e climi temperato freschi, ove è più alta la sintesi delle sostanze responsabili del tipico aroma di sambuco e foglia di pomodoro.

I vini sono di colore giallo paglierino più o meno carico o dorato, i profumi caratteristici di frutta matura e fiori, spesso con note evidenti di foglia di pomodoro, sambuco, frutto della passione e bosso, il sapore morbido e vellutato, lievemente aromatico, con toni caldi, corposi ma delicati, molto fini, adatti anche a un certo affinamento.

I vini Sauvignon, nelle versioni di annata, si prestano ad abbinamenti con minestre e piatti a base di pesce, risotti ai frutti di mare, brodetti e zuppe di pesce, mentre i vini più invecchiati e le vendemmie tardive sono ottime con le grigliate di mare, il pesce al cartoccio o in crosta di sale, le carni bianche e i formaggi mediamente maturi.

Il vitigno Sauvignon e Maremma Toscana DOC:

Maremma Toscana DOC «Bianco» e «Bianco Riserva» (presenza nel limite massimo del 40% come uva complementare a bacca bianca)

Maremma Toscana DOC «Bianco Spumante» (presenza nel limite massimo del 40% come uva complementare a bacca bianca)

Maremma Toscana DOC «Passito Bianco» (presenza nel limite massimo del 40% come uva complementare a bacca bianca)

Maremma Toscana DOC «Vendemmia Tardiva Bianco» (presenza nel limite massimo del 40% come uva complementare a bacca bianca)

Maremma Toscana DOC «Vin Santo» (presenza nel limite massimo del 60% come uva complementare a bacca bianca)

Maremma Toscana DOC «Sauvignon» (presenza per almeno l’85%)

Maremma Toscana DOC «Sauvignon Passito» (presenza per almeno l’85%)

Maremma Toscana DOC «Sauvignon Vendemmia Tardiva» (presenza per almeno l’85%)

Maremma Toscana DOC Bivarietale: Chardonnay associato ad altro vitigno a bacca bianca (presenza tra il 15% e l’85%)

Torna su